La gioia del ritorno.

Ho letto un post su un gruppo su Facebook, riguardante l’esistenza o meno della gioia del ritorno a casa.

Io d’istinto ho risposto di sì, che esiste, che la conosco benissimo. E che la mia gioia del ritorno a casa sono i miei gatti.

Agli occhi di alcuni potrebbe sembrare esagerato o patetico, ma l’unica difficoltà che ho prima di partire per un viaggio, che sia in solitaria o in compagnia, è lasciare a casa i miei pelosetti.

Non sono un’esperta comportamentale dei felini e credo che in fondo nemmeno loro possano dirlo con certezza, ma non so davvero come reagiscano i gatti alla mia assenza.

Avverto che capiscono bene quando sto andando via. E capiscono bene anche se si tratta di una serata, di un giorno di lavoro o un viaggio più lungo.

Forse sono solo sensi di colpa che mi creo in testa (e nel cuore) ma ho il magone ogni volta che parto. E riesco a superare tutta questa nostalgia preventiva, solo pensando alla meravigliosa opportunità che ho di partire, conoscere, guardare, scoprire e crescere.

Quindi, sì. Io conosco bene la gioia di tornare a casa, leggermente più grande della gioia di partire, anche perché potenziata dal fatto che tornare vuol dire riprogrammare, riprenotare, ripartire.

E così all’infinito…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...