16/9

http://www.repubblica.it/politica/2017/09/15/news/stupri_d_anna_ala_un_tempo_le_donne_erano_piu_accorte_-175578985/amp/

 

 

Vi invito in primis a leggere l’articolo pubblicato nel link. Anche se è un argomento che esula dal viaggiare, ho sentito l’esigenza di buttare giù qualche riga, perché prima di essere viaggiatrice io sono innanzitutto una donna. E quando vado in giro da sola devo avere il diritto di poter stare tranquilla.

Il problema principale è che oggi per emergere è necessario giustificare o trovare degli alibi a persone che commettono reati. Andare controcorrente anche a costo di dire cose di un’arretratezza spaventosa. Stiamo tornando indietro. L’evoluzione si è fermata alla rivoluzione industriale, vogliamo più bene agli animali che alle persone e giustifichiamo la violenza, definendolo “istinto primordiale”, scaricando la responsabilità sulla vittima. Sulle presunte ed eventuali vittime che si comportano in maniera tale da provocare il predatore. Centinaia d’anni di storia non ci hanno insegnato proprio nulla.

Io non sono indignata o incazzata o delusa. Semplicemente perché questa persona ha solo espresso ad alta voce quello che è il pensiero di molti, moltissimi uomini e ahimè anche di tantissime donne. Quindi non sono affatto sorpresa. E non è una fatto positivo questo.

Secondo molti è la donna che con i suoi atteggiamenti, il suo abbigliamento, la sua camminata, e tra poco anche il suo “odore ormonale”, provoca l’uomo. Lui non riesce a domare l’istinto primordiale che porta dentro.

Qui di primordiale non c’è solo l’istinto. A quando pare anche la mentalità è primitiva, concezione in cui la donna sottosta agli atteggiamenti degli uomini e gli uomini hanno diritto di azione sulle donne.

Mi tremano le mani mentre scrivo pensando a mia nipote o alle tante bimbe che conosco e che domani saranno donne in una società in cui, non solo ci sono uomini che si arrogano il diritto di metterti le mani addosso, ma esistono anche uomini che li giustificano.

E lo fanno in un momento in cui la violenza sulla donna, e non solo sessuale ma anche psicologica fino a trasformarsi in morte, è all’apice storico.

Il buonsenso che io dovrei utilizzare nel vestirmi e nel comportarmi dovrebbe essere insegnato a queste persone che hanno tanta visibilità e che non pensano prima di parlare.

O forse il problema è proprio questo. Credono in ciò che dicono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...